e anche questa l’ho sfangata

si, perchè si tratta del fango incontrato lungo il percorso della gara di oggi ad imperia

IMG_9703.jpgabbiamo corso in salita lungo i sentieri collinari in mezzo ad ulivi e vigneti. dall’alto la vista era fantastica: il mare, il sole, la campagna e alle spalle le montagne innevate. peccato non potersi fermare e scattare qualche foto.

pazienza. l’agonismo e la voglia di arrivare in fondo ha prevalso, come sempre, sul piacere del momento.

un momento, non confondiamoci: per piacere intendo quella sensazione di onnipotenza che ti prende alle spalle quando sei arrivato in cima e guardi tutto dal basso. ma per arrivare fino lì altro che piacere. muscoli che fanno male, petto che sembra scoppiare, gola che reclama ossigeno, cuore che si chiede se ha sbagliato persona…

IMG_9732.jpgin fondo la motivazione è la stessa: fare un’esperienza nuova ogni volta alla ricerca di quella sensazione diversa o di quel panorama che incanta. certo, se a metà gara mi avessero chiesto se ero contento di essere lì avrei mandato a fanculo l’intervistatore. dopo. una volta posato il sedere su una panchina e con una coca cola in mano la risposta sarebbe stata diversa.

niente medaglia perchè chi ha fatto la gara corta non aveva diritto al trofeo. ci hanno dato un pacco gara con succhi di frutta e olio di oliva (poco neh).

di medaglie non si vive ne ci si alimenta.

 

 

 

 

Buongiorno