la mia vita con tom ed emme (continua)

ritornati a casa dopo il giro in centro, io ed emme ci siamo messi a sedere sul divano  blu a riposare. abbiamo camminato molto, lungo le vie dei negozi alla ricerca di un paio di scarpe per eli e di una giacca estiva per me. siamo entrambi difficili e c’è voluto tempo prima di trovare ciò che ci piaceva. contenti per il bottino raccolto siamo tornati verso casa tenendoci per mano e stringendo orgogliosamente ognuno il proprio sacchetto.

“ti va una birra?”

emme risponde di si. mi alzo e apro il frigo: il ripiano in basso è sempre dotato di birre. mi piace essere previdente. prendo le due birre ed entro in cucina per stapparle. prendo i nostri bicchieri (si, abbiamo i nostri bicchieri della birra, oggetti vintage anni ‘60) e li riempio con la birra bella fredda.

mi giro verso il salotto e rimango a bocca aperta.

emme mi guarda e mi fa segno di stare zitto mettendo l’indice davanti alle labbra. sulle sue gambe tom, il riccio magico, si è accoccolato e si prende le carezze che emme fa alle sue setole iridescenti.

poso i bicchieri di birra sul tavolino e con attenzione mi siedo vicino a lei. tom non si muove nè apre i suoi occhietti color rubino. la mano di emme continua ad accarezzarlo, lieve.

“ma?”

“è apparso all’improvviso: ho sentito come un formicolio sulla gamba ed era lì.”

“non ti sei spaventata?”

“beh…. no. è stato tutto così veloce. mi ha guardato giusto un attimo e si è rannicchiato.”

emme mi sta sorridendo: sono sicuro che sente la presenza di tom, rassicurante nonostante le sue dimensioni ridotte. un riccio magico ha tanti poteri: uno di questi è di ingenerare sicurezza nelle persone che lo hanno accanto o a contatto, come emme in questo caso.

allungo le braccia e prendo i due bicchieri. sono dei calici con tanto di maniglia che fa oktoberfest. li impugniamo e con un sottile “ding” li accostiamo senza disturbare tom.

“ci voleva” le dico con la schiuma che mi rimane sui baffi. emme con delicatezza la toglie.

tom nel frattempo si è svegliato. mi guarda con gli occhi da furbetto. vedo le setole che iniziano a vibrare e avverto emme: “allontana la mano: sta per saltare”

un paio di secondi dopo ecco il “puff!” che conosco bene. sulla gamba di emme il residuo di salto quantico si deposita luccicando per infine sparire.

“che bello!”

“conosco la sensazione. la sentirai per un po’… ascolta!”

dalla camera da letto arriva il ticchettio delle zampine di tom sul palchetto.

“sta andando in cuccia. lasciamolo riposare.”

“certo che è un pigrone, un po’ come il suo padrone”

“chi? io pigrone?”

“si tu, che lasci la tua forma sul questo divano e ti vanti di fare delle pennichelle eterne.”

la guardo facendo finta di essere offeso.

emme rimane perplessa per poi ridere

“ma sei un deficiente!”

“e allora’ è forse un problema?”

“Mannò. dai abbracciami.”

mi accosto e allungo il braccio destro.

“appoggiati pure”

Autore:

Torinese da sempre. Aperto e libero pensatore. Allegro e introspettivo. Se mi mettete davanti un boccale di birra e vi sedete a chiacchierare tiriamo fino a notte fonda. Sono nato nel 1964, l'anno del boom economico. Amo la musica che mi fa stare bene. Guardo all'arte moderna come fonte di ispirazione. Cerco nei libri le risposte alle domande che devo ancora fare

16 pensieri riguardo “la mia vita con tom ed emme (continua)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.