home sweet home

Domenica 1 gennaio 2017. notte.

Si dice che chi ben comincia è a metà dell’opera. Se dovessi seguire questa regola potrei dire che l’anno nuovo è iniziato bene. Ed è vero. Questa giornata appena trascorsa è stata una giornata che mi è piaciuto vivere sotto tutti gli aspetti.

Una bella gita in francia al mattino; pranzo leggero defatigante e infine pomeriggio in ambiente familiare con, a sorpresa, una partita a biliardo. E dico che il biliardo era riscaldato, cosa di non poco conto.

Rientrare a torio è stato veloce, anche grazie a chi mi ha dato un passaggio e alle chiacchiere che abbiamo scambiato nelle due ore di viaggio.

Ho avuto un attimo di smarrimento quando ho aperto la porta di casa: il corridoio buio, il silenzio in casa. Giusto un attimo più breve di un battito di ciglia.

Messo a posto tutto e riempito la lavatrice mi sono messo sul divano a riguardare le fotografie scattate in questi giorni. Diventeranno un bell’album di ricordi.

Ho scritto di come questo passaggio di anno abbia avuto un impatto pressoché nullo. Nel nostro stare assieme tra amici non c’è stato un momento in cui ci siamo detti che l’anno stava finendo e che uno nuovo stava prendendo il suo posto. Abbiamo brindato seguendo il conto alla rovescia in televisione, ma a bicchieri svuotati abbiamo ripreso a giocare a dama cinese come facevamo due minuti prima.

Questo per dire che non ci sono secondo me dei limiti al tempo che trascorre e che viviamo. La terra gira. Il sole sorge e tramonta. Le stelle ruotano nel cielo scuro. Se non ci fosse stato da festeggiare avrei continuato a giocare e a chiacchierare.

È arrivato un nuovo anno e nulla è cambiato dentro me grazie al suo arrivo. Ciò che ho provato e ragionato nei miei pensieri è partito da me e non dal calendario.

Siccome il cenone è piaciuto ho lanciato l’invito per la prossima cena a base di pesce da me, al Club Arcadia

Annunci

About the post

Senza categoria

7 Comments

Add yours →

  1. proviamo a girare la domanda.
    e se il tempo non esistesse?
    non ci sarebbero più i ricordi che ci fanno sorridere
    non ci sarebbero più i momenti di attesa che ci fanno palpitare il cuore
    non ci sarebbero più i traguardi ad aspettarci
    come non ci sarebbero più le code all’anagrafe

    insomma che esista o no il tempo è parte della nostra vita

    lasciamo agli scienziati le speculazioni e le teorie
    noi teniamoci il nostro tempo e se possiamo doniamolo a chi ci vuole bene per davvero

    Mi piace

  2. Il tempo secondo me nasce da quando uno che prima non c’era ora c’è , come la nostra nascita e il nostro vivere che cambia il nostro aspetto e il nostro pensiero. Io guardo al tempo come istante che accade portatore di quel bene che il cuore cerca sempre all’infinito.

    Mi piace

  3. Come non esiste il passato, così non esiste il futuro; ma solo un eterno presente
    Letto in un libro che non ricordo più.
    Rimango dell’idea che dobbiamo usarlo al meglio il tempo.
    Come una reazione a catena se fai bene riceverai bene. Se ami riceverai amore. Questione di tempo

    Liked by 1 persona

  4. È di Sant’Agostino la tua citazione😊

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: