runnin’ with the devil

Lunedì 26 dicembre 2016. mattino

seduto sulla sua poltrona preferita di fronte alla finestra che dà sul parco di fronte, George sta assaporando l’ultimo sorso di brandy dal bicchiere napoleon che tiene a fatica con la mano destra. Il liquore gli scende in corpo lasciando dietro di sé una striscia di calore alcoolico che lo fa mormorare di piacere. Sa che è l’ultima sensazione piacevole che proverà su questa terra.

All’improvviso un brivido di freddo gli corre lungo la schiena nonostante sia vestito di indumenti caldi e morbidi

avverte una presenza alle sue spalle e con la mano tremolante posa il bicchiere sul tavolino al suo fianco. Il cristallo oscilla solo un attimo prima di fermarsi in bilico sull’orlo.

“George è ora”

sa che solo lui può sentire la voce profonda e calma che giunge alle sue orecchie. Non sente la forza necessaria per rispondere a voce ma solo col pensiero.

“Dammi solo cinque minuti di più… per favore”

con un fruscio leggere la voce si sposta e si avvicina al suo orecchio.

“non possiamo, lo sai. Il tempo è scaduto”

chiude gli occhi per riaprili di nuovo. Dal parco giungono le voci dei bambini che giocano allegri. Vede le punte degli alberi muoversi e risplendere sotto il sole.

La voce si muove ancora e gli si mette di fronte.

Nel petto sente il cuore che batte forte: ha paura. Non ne ha avuta quando anni prima si era piegato alla voglia di fama e ricchezza e aveva firmato quel contratto che ora doveva onorare.

A fatica cerca di raddrizzare la schiena lungo lo schienale della poltrona. Non vuole andarsene ingobbito e fragile, debole come non lo era mai stato.

“sono pronto, andiamo”

La voce che si allontana da lui e si espande circondandolo come una cupola trasparente. Il suo corpo diventa piacevolmente leggero, la mente si libera del dolore.

Un raggio di sole illumina il bicchiere che ha appoggiato poco prima. Con un ultimo guizzo cerca di afferrarlo ma riesce solo a sfiorarlo. Oscilla di nuovo e in un attimo cade per terra rompendosi in una cascata di cristalli luminescenti.

Annunci

About the post

Senza categoria

6 Comments

Add yours →

  1. Io ho preparato la lasagna, anche la sfoglia , per gli amici che vengono a pranzo oggi …speriamo bene!
    Bellissimo il tuo alberello di tagliatelle👏👏Buon Santo Stefano!

    Mi piace

  2. Io mi sono preparato un sughetto di pesce per la pasta
    Mi sono riservato uno spazierò per la merenda in centro oggi pomeriggio 😊
    Buon pranzo conviviale è santo Stefano
    Grazie per i complimenti
    Ciao 😊

    Liked by 1 persona

  3. Pensavo di aver commentato il post precedente, ora leggo il tuo racconto dedicato a George Michael, questa la dice lunga per come stavo distratta ieri mattina per la preparazione del pranzo ( infatti non ho messo la besciamella nella lasagna 😩😩). La sera di Natale il papà di un mio carissimo amico con cui stavamo festeggiando ha avuto una sincope,è stato un momento difficile anche se si è ripreso subito ed io medico ero lì . Siamo andati in pronto soccorso per alcuni esami risultati nella norma, ha avuto una reazione vagale ad abuso alimentare.I miei colleghi mi hanno detto che non potevo fare a meno di loro…Però mi sono resa conto che è stato anche questo un miracolo, che la vita è legata ad un filo, e iri c’era tra di noi questa grande coscienza che tutto è un dono e allora possiamo gustarci ogni attimo sempre pronti a partire per L’ eternità … Mi piace il tuo racconto , è un viaggio , la paura e il brindare alla vita…

    Liked by 1 persona

  4. Lasagna light. Una nuova versione del piatto. Da tenere presente
    Due anni fa mio papà ha avuto un infarto. Era sotto casa e io ero nei pressi. Combinazione fortunata che ci dice che la vita va vissuta giorno per giorno senza paura del domani.
    Esserci è un prodigio.
    Appena ho letto la notizia ho visualizzato la storia che ho scritto di getto fino alla sua fine

    Liked by 1 persona

  5. chissà come ci sta godendo il buon vecchio George, leggendo quanto hai scritto … fantastico!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: