a modo mio

Mercoledi 7 dicembre 2016

il tema di oggi è senza ombra di dubbio il viaggio. Sento di ritornare a questo argomento perchè ho ancora da dire/scrivere altri pensieri, altre cose da dire.

Iniziamo dal contrattempo di questa sera. Esco dall’ufficio pensando a cosa fare stasera e quando arrivo alla macchina… porca puttana! Gomma posteriore destra sgonfia. Controllo e vedo che posso farcela a tornare a casa. Guido piano e vado dritto dal gommista che so essere vicino a casa. Per fortuna èl ibero e in dieci minuti vado via con la gomma riparata. Bene, mi dico, il destino l’ho gabbato. Ora posso pensare al viaggio serale.

Siccome ho voglia di sushi decido di andare in giappone a mangiarlo. Cioè al ristorante giapponese, facendo finta di essere a tokyo a mangiare con le bacchette di bambù. Rientro ad arcadia sazio e soddisfatto. Nel frattempo qualcun altro ha fatto un viaggio: lady pink che ha letto gli ultimi post del blog e che ogni tanto scriveva i suoi commenti. Un viaggio all’interno di una parte della mia autobiografia, anche se non scritta in ordine cronologico.

Ma il viaggio continua…

Domani viaggerò in collina con il leprotto, alla ricerca della forma fisica e del piacere della corsa. Della fatica e delle parolacce che dirò taccio già da adesso.

Viaggerò in centro nel pomeriggio se le gambe se la sentiranno, alla ricerca di quel caffè con panna che è gioia per gli occhi e per il palato.

Mi attendono altri viaggi di cui scriverò nei prossimi giorni con calma. Per ora mi accontento di infine, il viaggio per itaca, commentato in una dedica che stamattina ho avuto il piacere di scrivere su un quaderno importante.

Oggi sono stato me stesso, sono stato vittorio a modo suo.

Citazione

Che la tua Itaca

possa essere

partenza e arrivo

in questo tuo

nuovo viaggio

Vittorio